Attività culturali e sportive

Le “Serate di Nomadelfia”

Incaricato: Nico

Le “Serate di Nomadelfia” sono spettacoli di danze moderne e folkloristiche che ogni anno vengono tenuti in alcune piazze di Italia. I ballerini sono i ragazzi della stessa Comunità di Nomadelfia, con l’aiuto ed il supporto di alcuni professionisti esterni.

Lo spettacolo è intervallato da alcuni momenti di riflessione, con lo scopo di promuovere una cultura della fraternità e della solidarietà universale. È un messaggio di fraternità e speranza, ma soprattutto un invito alla solidarietà e all’accoglienza.

Musical “I Ragazzi di don Zeno”

Incaricato:  Silvia

Scritto da Franca De Angelis, diretto da Anna Cianca, con le coreografie di Pierluigi Grison e Sarah Lewis

Sul palcoscenico 87 attori che attraverso prosa, canti e danze raccontano la loro storia. È un “viaggio” che parte dal passato per meglio comprendere e conoscere la realtà fondata da don Zeno Saltini: Nomadelfia. Attraversando la storia dell’Italia degli anni 30 e 40, lo spettacolo invita a riflettere sulla nostra realtà sociale e su cosa possiamo fare noi per costruire un mondo migliore, oggi.

Scuola Familiare di Nomadelfia

Incaricato:  Giancarlo

La Scuola Familiare di Nomadelfia coinvolge in centinaio di ragazzi dai 3 ai 19 anni.

Le attività sostenute da Solidarietà Nomadelfia Onlus sono: visite presso musei, fabbriche, città, territori; l’educazione allo sport per varie discipline quali calcio, pallavolo, pallamano, baseball; educazione al teatro e al ballo; educazione musicale; esperienze di formazione spirituale e sportiva in montagna; iniziative di approfondimento culturale rivolte anche agli adulti.  

Prophetic Economy

Incaricato:  Paolo

Prophetic Economy è un processo volto a creare un network di associazioni, aziende e persone che lavorano per un’economia al servizio della persona e dell’ambiente. La prima tappa del processo si è svolta dal 2 al 4 Novembre a Castelgandolfo (Roma), mettendo in comunicazione i protagonisti del cambiamento, attraverso lo scambio di buone pratiche ed il coinvolgimento attivo delle giovani generazioni.

Pin It on Pinterest